Questo sito utilizza i cookies per migliorare i servizi e la fruizione del sito stesso. Continuando a navigare si autorizza l\'utilizzo dei cookie su questo sito

UNITO IN MADAGASCAR: BIODIVERSITA' E SVILUPPO. DBIOS

Università di Torino - Dbios

Gli ecosistemi forestali coprono il 31% della superficie terrestre, con un tasso di biodiversità pari a 80%. Tuttavia solo il 36% di questa copertura riguarda le foreste primarie, incontaminate. Gli ambienti forestali, inoltre, offrono rifugio e sostentamento per circa 300 milioni di persone e per 1.6 miliardi di uomini la sopravvivenza è strettamente dipendente dalla presenza di foreste. Lo IUCN ha identificato il Madagascar come uno dei principali hotspots di biodiversità del pianeta. Tuttavia, a causa dell’ingente deforestazione che sta caratterizzando il Paese, questa biodiversità è minacciata da un continuo degrado. Contribuire al mantenimento delle foreste e promuovere pratiche ecosostenibili che riducano la povertà negli ambienti rurali sono due dei punti chiave delle strategie conservative che UNITO attua in questo paese, grazie all’intervento del Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi (DBIOS) e del Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA). La foresta pluviale di Maromizaha ospita una biodiversità eccezionale con un livello di endemicità del 77%. Dal 2009, i progetti di UNITO (cofinanziati dalla UE) hanno permesso di intraprendere un percorso di coinvolgimento della popolazione nello sviluppo sostenibile delle attività generatrici di reddito, nella formazione professionale, nella tutela della biodiversità, nella messa in atto di nuove pratiche agricole.

Tipologia: mostra

Contatti: Cristina Giacoma  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Back to top