Questo sito utilizza i cookies per migliorare i servizi e la fruizione del sito stesso. Continuando a navigare si autorizza l\'utilizzo dei cookie su questo sito

- ASPETTANDO LA NOTTE - VIVERE NELLO SPAZIO: LA SFIDA DELLE RISORSE

A cura Cesare Lobascio, Responsabile della sezione Space Flight, Environment & Habitat di Thales Alenia Space Italia, e Simona Romaniello, Responsabile Didattica e Divulgazione di Infini.to - Planetario di Torino, Museo dell'Astronomia e dello Spazio


Anche nello spazio occorre alimentarsi, ma di quanto cibo dobbiamo disporre e quindi portare con noi? E di quanta acqua e aria, risorse necessarie per la vita?
Domande fondamentali nella progettazione di una missione di esplorazione spaziale, poiché il peso costa nello spazio e controllare la qualità delle risorse vitali implica tecnologie complesse e peso ulteriore.
Se il viaggio è breve non c'è problema: ci portiamo il necessario. Prendiamo invece casi estremi come una lunga permanenza in una destinazione vicina, come la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) che dista solo 400 chilometri, o una lunga missione verso altri pianeti o addirittura un "soggiorno" su una futuribile piccola città lunare. In queste situazioni non riusciremo mai a portare con noi abbastanza cibo e quindi occorrerà produrne autonomamente sull'astronave o in loco.
Per coltivare piante nello spazio si usano tecniche idroponiche simili a quelle usate sulla Terra, fornendo acqua e minerali, oltre a luce e anidride carbonica, ma la differenza fra le due situazioni la fa l'assenza di gravità e il suo influsso sullo sviluppo delle piante. Inoltre, sul pianeta Terra il ciclo del consumo della risorsa cibo, per quanto virtuoso possa essere, è "lineare": in altre parole dal cibo si passa al suo sfruttamento e, per quanto poco, alla produzione di rifiuti. Nello spazio invece il ciclo deve essere chiuso: giunti alla produzione del rifiuto occorre trovare il modo di farlo diventare una nuova risorsa.
Con questi obiettivi, Thales Alenia Space Italia lavora da molti anni a progetti di ricerca e sviluppo nei propri laboratori Torinesi, attraverso investimenti e il supporto di fondi Regionali, Nazionali ed Europei. Dopo aver realizzato circa il 50% della parte abitata della ISS, dotandola dei necessari sistemi di supporto alla vita per gli astronauti, è infatti necessario affrontare la "sfida delle risorse" per le future missioni di esplorazione, sviluppando sistemi "rigenerativi".

Tipologia: Presentazione, dibattito

 

Back to top