Questo sito utilizza i cookies per migliorare i servizi e la fruizione del sito stesso. Continuando a navigare si autorizza l\'utilizzo dei cookie su questo sito

Sviluppo locale. Contro la crisi, esperienze innovative in Piemonte

La proposta prevede di organizzare un breve simposio dedicato ai temi dello sviluppo locale con le forme del “Caffè letterario” (breve presentazione di un tema seguita da discussione con il pubblico, in modalità informale e con presenza di un rinfresco per i convenuti). L’evento sarà curato dal MASL –Master in Sviluppo Locale che da 10 anni prepara i professionisti della concertazione locale e funziona come laboratorio di nuove politiche innovative.
Il tema dello sviluppo locale ha una forte rilevanza nell’attuale periodo di crisi economica e di scarsità di risorse a disposizione per l’innovazione, in quanto propone modelli di organizzazione degli attori locali in grado di attivare risorse aggiuntive e di costruire processi efficienti di regolazione dello sviluppo. Le teorie dello sviluppo locale hanno aiutato i territori a sostenere le proprie specificità sociali ed economiche nella competizione globale (studi sui distretti industriali, sui sistemi rurali, sulle metropoli; ricerche sul ruolo delle agenzie produttrici di Knowledge intensive business services e sulle reti locali produttrici di local collective competition goods, etc.) e stanno ora contribuendo a progettare reti tra territori per regolare le filiere lunghe (a scala trans-territoriale e macro-regionale) che sono le nuove forme prevalenti di organizzazione della produzione nello spazio in Piemonte e nel Nord Italia.
L’attualità del tema e la sua facile comunicabilità anche al di fuori della cerchia degli “addetti ai lavori” (in quanto comprende argomenti ampiamente noti al dibattito pubblico delle nostre città) lo rende adatto a una discussione pubblica aperta ai cittadini: si prevede quindi di privilegiare nelle presentazioni interventi dedicati a progetti in atto nel territorio piemontese, riguardanti realtà vicine e comparabili rispetto a quelle alessandrine e in grado quindi di stimolare una discussione aperta durante il Caffè Letterario.

Back to top